Loading...
Reddito di Cittadinanza: ruolo‚ adempimenti‚ verifiche e segnalazioni a carico dei Comuni - Cod. 10017802 - Professional Academy

Reddito di Cittadinanza: ruolo‚ adempimenti‚ verifiche e segnalazioni a carico dei Comuni - Cod. 10017802

  • Esame finale (cod. 10017802) Reddito di Cittadinanza: ruolo‚ adempimenti‚ verifiche e segnalazioni a carico dei Comuni – Cod. 10017802 Reddito di Cittadinanza: ruolo‚ adempimenti‚ verifiche e segnalazioni a carico dei Comuni
    1. file - Esame finale (consegna entro il 9/09)
  • Lezione 1 (Cod. 10017802) Reddito di Cittadinanza: ruolo, adempimenti, verifiche e segnalazioni a carico dei Comuni
    1. file - Lezione 1 - Cos’è e come funziona il Reddito di Cittadinanza
    2. file - Slides di Sintesi Lezione 1
    3. file - Test di Autovalutazione Lezione 1
  • Lezione 2 (Cod. 10017802) Reddito di Cittadinanza: ruolo, adempimenti, verifiche e segnalazioni a carico dei Comuni
    1. file - Lezione 2 - Adempimenti successivi alla presentazione della domanda: il Patto per l’Inclusione sociale
    2. file - Slides di Sintesi Lezione 2
    3. file - Test di Autovalutazione Lezione 2
    4. file - Soluzioni Test di Autovalutazione Lezione 1
  • Lezione 3 (Cod. 10017802) Reddito di Cittadinanza: ruolo, adempimenti, verifiche e segnalazioni a carico dei Comuni
    1. file - Lezione 3 - Le piattaforme digitali
    2. file - Slides di Sintesi Lezione 3
    3. file - Test di Autovalutazione Lezione 3
    4. file - Soluzioni Test di Autovalutazione Lezione 2
    5. file - Soluzioni Test di Autovalutazione Lezione 3

e-Seminar di 3 lezioni, per supportare i Comuni nella corretta attuazione della Riforma sul Reddito di Cittadinanza.

A partire dal 6 marzo 2019 è possibile, per i cittadini in possesso dei requisiti, presentare online il modulo per richiedere il Reddito di Cittadinanza (DL 4/2019).
Si tratta di una misura nazionale che coinvolge in larga parte i Comuni italiani e rischia di gravare su di essi, andando a toccare in particolare:

  • L’ufficio anagrafe, per i controlli relativi ai requisiti di soggiorno e residenza;
  • L’ufficio servizi sociali, per la presa in carico dei soggetti e dei nuclei maggiormente vulnerabili e l’attivazione dei progetti di pubblica attività.

In definitiva, il provvedimento sul Reddito di Cittadinanza (RdC) genererà nuovi oneri per i Comuni, che avranno notevoli difficoltà ad attuarli nei tempi previsti e con conseguenti disagi in termini di gestione amministrativa e gestione delle risorse umane e finanziarie.
Le Pubbliche Amministrazioni, nella quasi totalità dei casi, non hanno sufficiente personale per fronteggiare i nuovi adempimenti, che richiedono un lavoro intersettoriale all’interno dei Comuni. Sarà dunque necessario organizzarsi attraverso un elevato grado di collaborazione che coinvolge diversi uffici.

  • Quali sono gli adempimenti, a carico dei Comuni, successivi alla domanda per il RdC?
  • Come verificare la sussistenza dei requisiti di residenza e soggiorno e comunicarli all’INPS?
  • Cos’è e come funziona il patto per l’inclusione sociale? Chi ne è esonerato?
  • Come gestire le domande per le agevolazioni relative a forniture di luce e gas?
  • Come segnalare i beneficiari per cui si è verificata un’anomalia che fa cadere il diritto al RdC?

Avere risposte chiare a queste domande è dunque fondamentale, per evitare problemi gestionali e operativi che peggiorerebbero una situazione già di per sé critica.
Per queste ragioni La invitiamo a iscriversi al nostro nuovo e-Seminar, che inquadra la complessa materia del Reddito di Cittadinanza in 3 momenti:

  1. Cos’è e come viene richiesto ed erogato il RdC;
  2. Quali sono gli adempimenti successivi alla presentazione della domanda;
  3. Come utilizzare le piattaforme digitali attraverso cui avvengono le verifiche e le segnalazioni.

Ciascun partecipante riceverà tutto il materiale formativo necessario (dispense, esempi pratici, slide e test di autovalutazione), per dissipare ogni dubbio in merito agli oneri a carico dei Comuni sia nella fase di verifica dei requisiti, sia in quella successiva alla richiesta, nonché agevolare il lavoro quotidiano e la collaborazione tra i vari uffici coinvolti.
In ogni momento avrà anche la possibilità di formulare quesiti specifici al relatore, che troveranno risposta nella lezione successiva.

Vantaggi e finalità

In sole 3 lezioni ogni partecipante potrà imparare a gestire correttamente tutti gli adempimenti, a carico dei Comuni, relativi alla corretta gestione del provvedimento sul Reddito di Cittadinanza.

  • FLESSIBILITÀ e RISPARMIO: ogni partecipante potrà decidere quando e dove utilizzare i contenuti e organizzare la formazione in base alle proprie esigenze. Questa flessibilità è ideale per aggiornare le proprie conoscenze e favorire una fruizione dei contenuti, senza togliere tempo prezioso all’attività lavorativa quotidiana.
  • SOLUZIONI e RISPOSTE CONCRETE alle problematiche riscontrate in merito all’applicazione delle nuova norme. L’Avv. Petracci non è solo un formatore qualificato, ma anche un esperto in pubblico impiego, ed è in grado quindi di fornire risposte mirate e spendibili nella pratica quotidiana.
  • NESSUNA DISTRAZIONE: potrà consultare il materiale didattico nel luogo più consono, al fine di garantire concentrazione e attenzione.
  • CERTIFICATO di ESPERTO in REDDITO DI CITTADINANZA NEI COMUNI, previo superamento di un esame finale (facoltativo e online).

Prima Lezione
Cos’è e come funziona il Reddito di Cittadinanza

  • Definizione di RdC e requisiti per accedere al beneficio
  • Agevolazioni per famiglie economicamente svantaggiate relative a forniture di luce e gas
  • Obblighi conseguenti alla domanda del beneficio RdC
  • Erogazione e carta RdC e piattaforme digitali
  • Quali sono gli incentivi all’impresa che assume e al lavoratore che avvia un’attività autonoma
  • Ruolo della formazione professionale
  • Assegno di ricollocazione

Slides di sintesi, Test di Autovalutazione

 Seconda Lezione
Adempimenti successivi alla presentazione della domanda: il Patto per l’Inclusione sociale

  • Convocazione entro 30 giorni dalla presentazione della domanda da parte dei servizi comunali competenti per il contrasto alla povertà
  • Cos’è il patto per l’inclusione sociale e chi ne è esonerato
  • Partecipazione obbligatoria ai progetti dei Comuni (art. 4 c. 8, 9 e 15), settori e limite delle 8 ore settimanali, attivazione progetti e comunicazione della loro esistenza su apposite piattaforme informatiche
  • Sanzioni conseguenti gli inadempimenti del Patto di Inclusione o dei progetti promossi dal Comune di residenza

Slides di sintesi, Test di Autovalutazione

 Terza Lezione
Le piattaforme digitali

  • Art. 5: verificazione sussistenza dei requisiti di residenza e soggiorno, comunicazione dell’esito all’INPS attraverso la piattaforma digitale
  • Art. 6: informazioni sui beneficiari confluiscono in un unico fascicolo – operazione di interoperabilità tra Centri per l’impiego e Comuni
  • Verificare se è stato sottoscritto il Patto per il lavoro o per l’inclusione sociale e verificazione del rispetto degli appuntamenti fissati con i Centri per l’impiego o Servizi sociali
  • Segnalazione, da parte di Centri per l’impiego e Comuni, dell’elenco dei beneficiari per cui si è verificata un’anomalia nei consumi e nei comportamenti, tali da dedurre un’eventuale non veridicità dei requisiti e la conseguente mancanza di diritto al beneficio
  • Cenno a LSU, in merito ai progetti offerti dal Comune

Slides di sintesi, Test di Autovalutazione

Lunedì 2 settembre 2019: ESAME FINALE (facoltativo e online)

I partecipanti con esito positivo riceveranno il certificato di SPECIALISTA in “Reddito di cittadinanza nei comuni”.