Loading...
L'inclusione ai tempi del Coronavirus - Professional Academy

L’inclusione ai tempi del Coronavirus



In questo periodo, dove per cause di forza maggiore siamo costretti a modificare le nostre abitudini e restare in casa, tutti gli insegnanti hanno un compito fondamentale: non abbandonare i propri allievi, in particolare quelli più in difficoltà. Per i bambini e ragazzi con problemi comunicativi, ad esempio, un utile alleato può essere la Comunicazione Aumentativa Alternativa, che permette di esprimersi a prescindere dai canali tradizionali, attraverso il sistema di scrittura in simboli o immagini.

Mancando la vicinanza fisica, è importante formare a distanza i genitori o caregiver riguardo alle tecniche di CAA, con l’obiettivo di continuare ad allenarsi e non perdere i risultati conseguiti attraverso il lavoro a scuola. In questo senso sono molto utili le videochiamate, in cui l’insegnante spiega come portare avanti il programma educativo, inviare agende, quaderni di comunicazione, Pecs e quant’altro possa non interrompere il prezioso lavoro di tutti coloro che si occupano di alunni con disabilità.

Gli insegnanti, in particolare quelli di sostegno, in questo delicato momento si stanno adoperando per creare un ponte tra scuola e famiglia, analizzare le singole situazioni e collaborare con i genitori. Un buona pratica è quella di produrre materiale personalizzato per chi ha bisogni speciali, mettendo a punto degli strumenti per un feedback continuo e per avere un riscontro immediato da parte degli alunni.

Inclusione vuole dire apprendimento e partecipazione: è un binomio inscindibile“, in questo senso il MIUR ha predisposto un sito dedicato all’inclusione via web (https://www.istruzione.it/coronavirus/didattica-a-distanza_inclusione-via-web.html), che si focalizza sulle specifiche esigenze degli studenti con disabilità: strumenti, risorse, condivisione di esperienze didattiche, webinar e collegamenti implementati di continuo per rendere inclusiva la didattica a distanza.

E inclusione significa anche raccontare ai più piccoli cosa sta succedendo nel mondo, attraverso le parole e le immagini, per questo un team di esperte e professionisti (psicologi e illustratori) ha scritto “Storia di un Coronavirus” (https://www.santascolastica.it/wp-content/uploads/2020/03/storia_di_un_coronavirus_simboli.pdf), un racconto in CAA che permette anche a chi ha problemi comunicativi di capire ed esprimersi liberamente.

Perché ricevere risposte è un diritto di tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 − sei =