Loading...
Scenari di esposizione: facciamo un po' di chiarezza - Professional Academy

Scenari di esposizione: facciamo un po’ di chiarezza



Per un’azienda che produce, importa, distribuisce o utilizza sostanze chimiche, la valutazione di conformità allo scenario di esposizione è obbligatoria secondo quanto previsto dal Regolamento REACH (art.37, paragrafo 5), nonché complementare alla valutazione del rischio chimico.

Le domande che sorgono quotidianamente sono tante, ecco le risposte alle più diffuse.

Cosa sono gli scenari espositivi?

  • L’insieme delle condizioni, comprese le condizioni operative e le misure di gestione dei rischi, che descrivono il modo in cui la sostanza è fabbricata o utilizzata durante il suo ciclo di vita;
  • Il modo in cui il fabbricante o l’importatore controlla o raccomanda agli utilizzatori a valle di controllare l’esposizione delle persone e dell’ambiente.
  • Questi scenari d’esposizione possono coprire un processo o un uso specifico o più processi o usi specifici, se del caso.

Quando deve essere fornito uno scenario di esposizione? Un attore della catena di approvvigionamento che sia tenuto a predisporre una relazione sulla sicurezza chimica a norma dell‘art. 14 (Registrante) o dell’art. 37 (Utilizzatore a valle), riporta i pertinenti scenari di esposizione (incluse, se del caso, le categorie d’uso e d’esposizione) in un allegato della SDS (REACH, art. 31.7).

In che lingua deve essere fornito lo scenario di esposizione? Dato che lo scenario d’esposizione allegato è considerato una parte integrante della SDS esso è soggetto alle stesse prescrizioni in merito alla traduzione cui è soggetta la SDS, vale a dire che deve essere fornito in una lingua ufficiale dello Stato membro o degli Stati membri sul cui mercato la sostanza o la miscela sono immesse (GUIDA ECHA SDS v. 3.1 Nov. 2015 – p. 22).

Qual è il formato dello scenario di esposizione? Non c’è un formato obbligatorio per gli scenari di esposizione. ECHA, in accordo con alcune organizzazioni di settore (Cefic, Concawe, Eurometaux, Fecc, A.I.S.E e DUCC), ha proposto un formato, che viene raccomandato nella elaborazione degli scenari di esposizione.

Quali sono i casi in cui è giusto NON ricevere gli scenari in allegato alla SDS?

La sostanza è:

  • Non pericolosa o PBT, vPvB (ma non è prescritta neanche la SDS ☺)
  • Esentata dall’obbligo di registrazione (per es.: principio attivo in biocida)
  • Registrata come intermedio (non è prescritto il CSR – art. 17 e 18 del REACH)
  • Registrate in quantità inferiori a 10 ton/anno (non è prescritto il CSR – art. 14 par. 1)

Per approfondire la tematica abbiamo organizzato un seminario pratico online, insieme a uno dei massimi esperti in materia di scenari espositivi e schede dati di sicurezza.

Per consultare senza impegno il programma clicchi qui

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − 1 =