Loading...
Gestire e trasportare alimenti freschi o surgelati senza commettere errori - Professional Academy

Gestire e trasportare alimenti freschi o surgelati senza commettere errori



Nel settore alimentare viene definita “catena del freddo”: un insieme di procedure che coinvolge produttori, trasportatori, venditori e ha l’obiettivo di conservare al meglio i prodotti, per esempio attraverso la surgelazione. In questo modo i cibi mantengono le qualità originarie e viene garantita la salubrità, nell’interesse del cliente finale.

La “catena del freddo” non riguarda solo gli alimenti surgelati, ma anche quelli refrigerati. La principale differenza consiste nella temperatura consentita: per i surgelati è pari a -18°C (e in alcuni casi può essere ancora più bassa), mentre per i cibi refrigerati si aggira attorno a 0°C.

Nel procedimento entrano in gioco tutti gli operatori del settore. Le azioni principali da compiere sono le seguenti:
caricamento dei prodotti sui mezzi di trasporto;
trasporto fino al luogo di distribuzione;
stoccaggio degli alimenti nelle celle frigorifere intermedie;
esposizione nei banchi di vendita.

Uno degli aspetti fondamentali del ciclo di surgelamento è che gli alimenti vengano portati, in un determinato periodo di tempo, a -18°C e conservati così fino alla vendita. Sono previste eccezioni, pur senza superare i 3°C di differenza.

Le aziende hanno l’obbligo di monitorare la temperatura, che deve rispettare i limiti imposti dalle normative. I valori registrati devono essere datati e conservati per un periodo prestabilito (almeno un anno).

Il trasporto è un’altra fase delicata. Vanno utilizzati veicoli specifici che permettano la conservazione a determinate temperature, misurate in modo automatico durante l’intero tragitto.

Non mancano, infine, indicazioni precise per l’esposizione all’interno di banchi e frigoriferi: bisogna rispettare il carico massimo, rendere visibile la temperatura ai consumatori, prevedere coperchi per la chiusura, molto importanti soprattutto in caso di problemi tecnici.

Un errore nella gestione della “catena del freddo” può avere gravi conseguenze, perciò gli operatori devono adempiere agli obblighi e conoscere le responsabilità, per tutelarsi in caso di danni causati da altri.

Per fornire supporto ai soggetti coinvolti (produttori, trasportatori, venditori) abbiamo organizzato il seminario online di formazione pratica “Trasporto e stoccaggio di prodotti freschi e surgelati: dalla normativa alle responsabilità”.

Il corso, in diretta su piattaforma web, si terrà il 30 settembre 2021: a intervenire sarà la Dott.ssa Stefania Guerrini, esperta in qualità e sicurezza alimentare che svolge attività di consulenza nel settore da oltre vent’anni. Per conoscere tutti i dettagli del corso, consultare il programma e scaricare il modulo d’iscrizione clicchi qui.

I commenti sono chiusi.